Il progetto
"Grace, l'amore che dà la vita"

Troppo spesso non si pone la giusta attenzione all’aspetto estetico-psicologico in un percorso di guarigione, ma migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici può fare la differenza.

È molto importante che le Donne che devono già affrontare una dura battaglia per la guarigione dal cancro, sia sotto l’aspetto psicologico che fisico, abbiamo la possibilità di potersi confrontare anche con estetiste e operatori del benessere che abbiamo conoscenza e competenza nel settore estetico.

Devono avere la possibilità di potersi fidare e affidarsi a queste figure professionali consapevoli del fatto che gli studi di aggiornamento e le specializzazioni alle qualifiche già in loro possesso, possono essere messe al servizio di clienti che necessitano trattamenti attenzionati per la patologia stessa e con cosmetici idonei per la prevenzione di alcuni effetti collaterali della chemioterapia.

In Italia le leggi sono molto restrittive per quanto riguarda i riconoscimenti di titoli formativi per l’operatività e la spendibilità fattiva di chi ha un titolo come quello di estetista, massaggiatore olistico, onicotecnico, truccatore e così via.

Il filo di pensiero occidentale è molto diverso da quello orientale in questo settore. Infatti, le loro varie tecniche e filosofie non escludono la cura estetica dal benessere interiore associando anche il mondo animico e quello spirituale.

“Grace, l’Amore che Dà la Vita” è un progetto che si approccia al mondo dell’estetica oncologica. Nasce dalla mia esperienza ventennale nel campo della formazione professionale. Un settore, soprattutto quello di “Estetica & Benessere”, che mi ha sempre appassionato e studiando le varie tecniche e filosofie di settore, anche a livello internazionale, mi sono resa conto di quanto l’estetica non sia solamente la cura per la bellezza del corpo e di tutti i suoi annessi ma soprattutto del benessere psicofisico.

“Grace, l’Amore che Dà la Vita” ha come obbiettivo proprio la condivisione.

Le tappe del progetto

Stavo facendo una passeggiata quando mi arrivò l’idea di associare la mia conoscenza ed esperienza ventennale a questo settore così delicato. Io stessa avevo vissuto la frustrazione di non essere aiutata nella fase più delicata di Grace.

Scoprire di avere un cancro è devastante per qualsiasi essere umano, a maggior ragione quando i medici cominciano a parlare di terapie. Oltre al trauma della malattia che mette di fronte la paura, la paura di non farcela, bisogna fare i conti con gli effetti devastanti delle cure che nella maggior parte delle persone hanno conseguenze estetiche.

È proprio nella fase inziale che bisogna essere affiancati da una persona umanamente e professionalmente preparata e così ho rimarcato l’importanza di formare estetiste qualificate e/o specializzate o operatori del settore benessere che desiderano acquisire competenze in questo campo così delicato.

Nel 2017, duecento operatori del benessere, hanno assistito al I seminario informativo sull’estetica oncologica del progetto “Grace, l’Amore che Dà La Vita” organizzato in Calabria con la collaborazione dell’ente formativo A.D.A.P. e la partecipazione straordinaria del Direttore OTY Angela Noviello che con la sua competenza e professionalità è riuscita a definire cos’è l’estetica oncologica e come può migliorare la qualità di vita nel paziente.

Nel 2018 venti estetiste qualificate e operatori del benessere hanno partecipato al primo corso formativo di aggiornamento sull’estetica oncologica “Grace, l’Amore che Dà la Vita”.

Nel 2019 altre diciotto estetiste qualificate e specializzate hanno preso parte al II corso di aggiornamento “Grace l’Amore che Dà la Vita”.

Nel 2021 la decisione di aprire l’Associazione Grace in espansione nel campo dell’“Estetica e del Benessere” e del progetto “Grace’ l’Amore che Dà la Vita”. A dare il via al progetto l’evento online “Il benessere incontra la terapia oncologica: studio clinico pilota in estetica oncologica”.

L’Amore crea e realizza cose meravigliose, riesce a oltrepassare ogni barriera umana, consapevoli che ciò che diamo lo stiamo donando a noi stessi. Sentirsi amati è fondamentale per chi raccoglie sguardi di compassione e viene visto come vittima del male. Sapere di essere amati ci riempie di grande forza e della giusta energia per poter combattere le battaglie e vincere la guerra come testimonianze di guerriere di luce.

Grace, vuole ancora vincere e donare Amore perché oltre la morte non esiste la sconfitta.

Lidia Papisca